Sassi Matera
Sassi Matera



Cattedrale

La maestosa cattedrale Matera, risalente al XIII secolo, è un notevole esempio di romanico-pugliese.
La facciata principale è caratterizzata da un rosone a 16 raggi sormontato dall'arcangelo Michele e, in basso, da un portale a tutto sesto con una statua della Madonna della Bruna (protettrice, assieme a S.Eustachio, della città di Matera) nella lunetta.
La facciata laterale della cattedrale è abbellita da due portali monumentali: la “porta dei leoni” (così detta per via dei due leoni accovacciati su ciascuno dei suoi lati) e, poco più a sinistra, la “porta di piazza”, sormontata dal bassorilievo di Abramo, padre delle tre religioni monoteiste, tutte presenti a Matera all'epoca della costruzione della cattedrale
Tra le due porte è presente una monofora, finemente decorata, contenente il sarcofago del giudice Saraceno.
L'interno, ampiamente modificato a partire dal '600 secondo il gusto barocco, presenta un affresco duecentesco della Madonna della Bruna attribuito a Rinaldo da Taranto, un presepe cinquecentesco in pietra, opera di Altobello Persio, un altare dedicato a San Giovanni da Matera con un sarcofago contenente le spoglie del santo, l'affresco del Giudizio finale, riaffiorato durante alcuni recenti lavori di restauro e attribuito a Rinaldo da Taranto.
Il campanile quadrangolare, alto 52 metri e visibile in tutto il centro storico, ha 7 campane accordate in mi bemolle.
Al momento (agosto 2011) la cattedrale è in restauro, quindi se ne può ammirare solo la parte esterna.

Per informazioni sulle visite guidate a Matera e dintorni CLICCA QUI

Torna all'indice




Versione italianaEnglish versionPolska wersjaVersion française



      cattedrale di Matera